Prologo







Sempre, sempre le strade vanno avanti
Sotto piante e sopra rocce, a costeggiare
Antri che di ogni luce son mancanti
Lungo torrenti che non vanno al mare

Sopra la neve che d'inverno cade
In mezzo ai fiori felici dell'estate
Sopra prati densi di rugiade
Sotto montagne di luna inondate

Sempre, sempre le strade vanno avanti
Sotto il cielo e la volta stellata
Ma i piedi incerti, nel cammino erranti
Volgono infine alla dimora amata

Gli occhi che han visto spade e fiamme ardenti
Ed in sale di pietra orrori ignoti
Guardano infine i pascoli ridenti
E gli alberi, e i colli tanto noti.


J.R.R. Tolkien
 
 
 



 

 

I raggi del sole filtrano obliquamente nella boscaglia mentre si avvicina il tramonto. I colori diventano pių scuri e intensi; il sentiero che percorri ormai da alcune ore č coperto di foglie, e tende a confondersi nella penombra. Cominci a temere seriamente di aver sbagliato strada; ma quasi in risposta ai tuoi dubbi noti una stele di pietra che reca un'iscrizione.